giovedì 16 maggio 2013

Atroci verità

1 - C'è un film, credo molto brutto, dove una tizia effettivamente insulsa parla con un finocchietto inscopabile e lui le chiarisce come "Quando un uomo si comporta come se non gli importasse nulla, non gli importa nulla".
Gente, è vero: facciamocene una ragione.
Tra l'altro è vero anche per la maggior parte delle donne.

2 - Svendervi al primo passante, regalarla a chiunque vi faccia la grazia di offrirvi da bere, aggirarsi per il locale con l'occhio sbarrato nell'intento di non perdere nessun cazzo papabile maledicendo la mancanza di un radar apposito, è patetico.
Patetico, ridicolo e molto brutto da vedere.
E poi non lamentatevi che nessuno vi caga sul serio: se regalassero smartphone, nessuno andrebbe comunque alla cassa dicendo "No ma dai: tieni almeno quattrocento euro".
Se il cartellino che avete in fronte dice "Due spritz, ma posso fingere di aver bevuto prima e farmene bastare uno", perché mai dovrebbero darvi di più?

9 commenti:

  1. e la "Z" di spritz è anche difficile da cancellare

    RispondiElimina
  2. Più chiaro di così, si muore!

    RispondiElimina
  3. Senza contare che facendo così si rischia l'ulteriore danno collaterale di tirar su la qualunque dei casumani morti di figa, e lì, altro che cazzi.

    RispondiElimina
  4. È anche altrettanto cristallino che non basta evitare di svendersi. Bisogna avere pazienza e aspettare. Mi sa che questa è l'atroce verità più atroce di tutte.

    RispondiElimina
  5. La mia considerazione verso di te aumenta ad ogni post.
    Ergo, continua a sfidarmi. Scrivi. Ancora.

    RispondiElimina
  6. Giàggià.

    (ma perché scrivi un post alle 10 del mattino? qualcosa non va?)

    RispondiElimina
  7. Avevo letto "Occhio sborrato", e comunque suona lo stesso coerente.

    RispondiElimina