giovedì 7 febbraio 2013

I post più belli di sempre

Io la rete la vivo attraverso ossessioni.
Anche le persone spesso le vivo attraverso ossessioni, ma per fortuna (non degli oggetti delle ossessioni, per fortuna di chi - ancora - non conosco) la rete di più.

Quindi vi illustro i post che mi sono più rimasti impressi.
Ne ho amati tanti eh, ma questi li ricordo bene e torno a rileggerli,  più o meno come andare a trovare parenti morti al cimitero ma succede molto meno raramente.

Di Smeriglia:
Due sigarette al giorno
Tre verità comodissime
e in realtà un mucchio di altri, ma scrive abbastanza da non consentirmi di conoscere a memoria il suo blog.

Di Elasti:
Cade zu
e un mucchio di altri ma non è che posso linkare tutto il blog.
Comunque chi non lo ha letto tutto, è brutto.

Di Qualcosa
Giorgia:  questo è il pezzo che faccio leggere a qualcuno per capire se questo qualcuno è una persona con cui vale la pena parlare. Se non sono al pc lo faccio leggere dal telefono, perché io l'iPhone l'ho comprato un po' per il terremoto ma soprattutto per decidere nel tempo di lettura di questo pezzo se la sconosciuta persona che ho davanti merita il saluto o meno.
Menzione d'onore al tizio che mi disse "Bellissimo, ho riso un sacco" e non aveva capito manco una battuta (perché io poi, interrogo).
Boys don't cry Il Post. Punto.
La rubrica del professor Hofmann Primo post suo letto, fantastico, questo lo faccio leggere solo a chi mi sta già simpatico, se no non se lo merita.

Ah, e stavo dimenticandomi un altro blog, che è in disuso e nemmeno sono sicura che esista ancora, spè che controllo.

Ecco:
Cose che succedono a Giulio Bellissimo post, veramente bello
Laura  tenero.
Anche Stark scrive molto bene, ma è meglio non dirglielo troppo spesso.
Poi penso abbia un altro blog da qualche parte che non so se usi, però a me piaceva quello quindi sticazzi.

Questi post, e ce ne sarebbero stati almeno almeno altri quattro ma sono stati inghiottiti dalla dipartita di Splinder, sono l'equivalente telematico di "Papà ho trovato un amico", "Una poltrona per due" o "Il principe cerca moglie" per me, perché mi piacciono sempre, perché ogni tanto devo rileggerli, perché son stata così contenta la prima volta che ci sono capitata da non poter fare a meno di riguardarli ogni tanto.
Insomma, sono il riassunto dei motivi per i quali trovo che i blog siano - online - i posti più belli di sempre dove stare.

(Comunque se vi vengono in mente post che vi sono piaciuti molto, linkate che ultimamente è dura leggere robe belle senza doversi perdere in ore di caccia al tesoro).

Edit: per amore di cazzeggio sono andata a rileggermi qualche post vecchio.
Impressionante come non ricordassi minimamente cose scritte pochissimo tempo fa, comunque la cosa che mi ha stupita di più (oltre a piacermi come scrivo, non me n'ero mai accorta) è quanto sia una cosa divertente leggere i commenti, a posteriori. Grazie gente!

11 commenti:

  1. Mi piace quando mi consigliano blog belli. Fino a qualche tempo fa avevo tempo di fare un po' di blog scouting ma in questo periodo non riesco, quindi mi faccio guidare dalle scelte altrui.

    Vediamo le tue :D

    RispondiElimina
  2. "Oh sob" di chinaski77 la summa dei post piú belli e pessimisti di sempre..purtroppo non si trova sul suo blog..ma in rete cercando su google forse si..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordo i averlo letto, anche se per un po' l'ho seguito.
      Peccato.
      Ma l'ho sempre trovato molto irritante.

      Elimina
    2. Sì era ed è irritante...ma quel post vale davvero la pena leggerlo!

      Elimina
    3. Chinaski! ti stavo giusto rimproverando che nel tuo elenco manca Chinaski77. Ho divinizzato quel blogger, lo adoro. Mannaggia a lui, non scrive più da Natale. Faccio passare ancora un mese e poi mi lancio in una spedizione nella Bassa per cercare sue tracce.

      Smeriglia è, per me, in piazza d'onore.

      Elimina
  3. Chi è che non si è letto tutto il blog di elasti?

    Qualche tempo fa un gruppo di persone che conosco ha criticato lei e il suo blog. Non riesco più a farmeli piacere nemmeno un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tazza ed Eli, ammetto con verecondia e pudico rossore che m'imporpora le guance che da un po' di mesi a questa parte lo leggo anch'io. E che mi sono recuperata un bel po' di arretrato.
      (Il post di Stark sulle cose che succedono a Giulio lo lessi quando uscì, entrandoci proprio dal tuo blog, tipo la passaporta di Harry Potter. Mi piacque tanto, e contribuì in modo rilevante ad alzarmi la media sì da non devastarmi la mia considerazione per Stefano quando lo incontrai dal vivo, lui e le sue imbarazzanti scarpe da ginnastica. E adesso, Tazza, non per piaggeria, ti confesso che quando penso a post che mi piacciono molto penso ai quattro post tuoi ai quali sono enormemente affezionata: quello sugli uomini intelligenti, quello sul rugby, quello sulla bisnonna e l'ultimo, quello di Natale. Ogni tanto vado a rispolverarmeli, come potrai notare dalle statistiche del blog)

      Elimina
    2. Diciassettenne, Cri è contagiosa perché io stanotte ho sognato te, un cielo incredibile e un cimitero nel cortile della facoltà.

      Presentami chiunque abbia da dire su Elasti che li meno forte!

      Uh grazie Cri

      Elimina
  4. Un paio li conosco e li leggo tuttora, peccato averne persi tanti dai tempi di Splinder...

    RispondiElimina
  5. Ah, splinder. Che nostalgia!
    Thunderblue

    RispondiElimina
  6. Eh sì Topper e Thundrr, Slinder era proprio bello..

    RispondiElimina