giovedì 24 gennaio 2013

Amici, sì certo.

Adesso ditemi chi è lo stronzo che ha inventato il programma di MTV dove i migliori amici si dichiarano l'uno all'altra.

Cioè mediamente quello che ne vuole a quello che non ne vuole.

Non serve un genio, ad esempio a me son bastati un venticinque anni circa per accorgermi che, tra due persone di orientamento sessuale opposto, l'amicizia esiste solo se uno dei due è innamorato perso e l'altro per nulla.

Posso concedere alcune deroghe alla questione:

1- uno dei due ha già avuto un momento cotta, abilmente superato senza troppi strascichi supponendo che l'altro in vita mai l'avrebbe cacato, messa in tasca e via.

Allora, o il rapporto sedimenta fino a perdere qualunque mobilità - come ad esempio le mie ginocchia - oppure ad un certo punto l'imbecille che fino a quel punto stava convinto della propria interamicizia riceve l'illuminazione e capisce di essersi sorbito/a le vostre riflessioni sul colore dello smalto/i monologhi della motocicletta che in realtà è un misero scooterone, per motivi diversi dalla sperticata fratellanza e se ne esce con un "Voglio di più".
Sentendosi regolarmente rispondere con un "Ah, beh io avevo una cotta per te ma ormai.." e si butta sotto un treno.
(Suppongo che molte puntate siano finite così, ampliando il concetto di "Treno" per introdurre quello di "Semiautomatica", essendo il programma di provenienza USA).

2- Ci si conosce da ottomila anni e anche solo l'idea di un abbraccio meno che fraterno all'altra persona fa venire complessi d'incesto e orrore, nausea, vomito, gagging.
Che per chi non è amante del genere, disincentiva parecchio.

Già il bacio sbronzo con gli amici può avere risvolti disgustosi. Gravemente.

Generalmente almeno uno dei due - se non entrambi - sarà comunque cacapalle come fosse un moroso, perché geloso come una biscia e con un complesso d'edipo traslato all'altra metà della pagliacciata (o amicizia) direttamente dalle tette di mamma o dalle mani di papà.



Il massimo del disastro si realizza proprio quando l'altro, alla penosa dichiarazione, cede.

 
Amici, conoscenti, sconosciuti e stalker, ascoltate zia Mezzatazza che da buoni consigli perché non può più dare il cattivo esempio: LASCIATE STARE.

Partendo dal presupposto che difficilmente funzionerà, ma veramente vorreste stare con qualcuno che vi ha guardato con occhi da triglia per un decennio abbondante senza prendere la minima iniziativa?
Vorreste sul serio una persona del genere per avere a che fare con bollette intestate a voi?

- oddio, l'Interpol ha emesso un mandato d'arresto internazionale per trentacinquemila euro di bollette non saldate

- scusa, avevo visto che erano da pagare ma non sapevo come dirtelo

- ma come?? La posta avevamo detto l'avresti gestita tu, perché non me lo hai detto?
- Aspettavo il momento giusto


Avete seriamente intenzione di andare a letto con qualcuno che conosce se non tutte le vostre scopate, almeno il numero esatto di tutti i partner?
Di telefono intendo, perché li avrà conosciuti e commentati, e ascoltato confidenze, schifezze, zozzerie.

- no questo no

- ma se da Marco e Paolo te lo facevi mettere anche nel buco sulla lingua

(ma quanto son belle le pubblicità del 48 118? Solo i nomi dei miei zii usano)

Una persona che vi conosce così bene da sgamare regolarmente ogni vostra balla o reticenza?
Che conosce la faccia da corna?
Sa a memoria l'espressione "ho mangiato un kg di cioccolato"?
 
Poi quando scoppierete, Studio Aperto verrà a intervistare i vostri vicini.

"Pareva tanto una brava persona".

Perché l'esplosione non sarà senza vittime.

Datemi retta: trovate qualcun altro.
Qualcuno da conoscere, con cose da scoprire (a tutto rischio e pericolo) ma che almeno non sia una propaggine di voi stessi.

Che abbia fatto esperienza diverse da mettere insieme alle vostre, vi racconti esaltanti ricordi e ascolti tutto ciò che ancora non sa di voi.

Insomma, fate il cazzo che vi pare ma non chiamate MTV: punto a ottenere un 20/24 ore di Diario di una Nerd Superstar.






28 commenti:

  1. Quanto è vero!
    PS: ma Mezzatazza viene dal Greco μισόφλιτζάνι e significa "saggezza"?

    RispondiElimina
  2. Certo Syrys, non era forse lampante?

    RispondiElimina
  3. Io lo dico sempre, che l'amicizia rovina un sacco di possibili scopate di un certo livello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto. Tanto di amici, una volta che ne hai due o tre sei a posto.

      Elimina
  4. Più furbo sarebbe prima mettersi con una persona e poi, in caso, diventarci amico. Almeno credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son sempre terreni scivolosi, però nel caso sì: penso sia meglio

      Elimina
  5. non esiste.
    il migliore amico è il migliore amico.
    punto.
    cioè i miei mi hanno vista anche coi peli sulle gambe sticazzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, per arrivarci peró la strada è irta, quasi quanto lo sono i miei stinchi ora

      Elimina
  6. Questo spiega la decadenza del cinema horror contemporaneo: l'orrore è già diffuso a piene mani da mtv e dagli incesti fra amici e amiche O_o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è degli zombie che si deve temere, a oggi

      Elimina
  7. Ma sa che ha proprio ragione? Temo che Harry ti presento Sally abbia creato un gigantesco equivoco. E' impossibile che nasca l'amore dall'amicizia, è raro che nasca l'amicizia dall'amore, perché è raro riuscire a mantenere la stima di una persona che si è amata, di solito, quando l'amore non c'è più; e la stima nell'amicizia è fondamentale, così come nell'amore, ovviamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me basta che la smettano con quel programma e mi facciano vedere puntate nuove di telefilm!

      Elimina
  8. Io sono figlia di un abominio del genere: nella migliore delle ipotesi si hanno i fastidi che dici tu, nella peggiore si arriva alla distruzione reciproca. Ho assistito a devastazioni psicofisiche tali che non posso che appoggiare vivamente il tuo consiglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm, non ho capito.
      Diapositiva?

      Elimina
    2. Ti faccio un disegnino? Papà + mamma = migliori amici, in questo verso. Lui la sposa consapevole della faccenda e del verso. Discende da questa circostanza un corollario di reciproche follie variamente assortite, nonché discendo anch'io. Comunque, pur essendoti sicuramente fatta un'idea, è logico che tu non capisca, non avendomi mai vista dal vivo, ecco.

      Elimina
    3. Bah, meglio avere genitori migliori amici, che peggiori nemici. Come è capitato a me. E a un sacco di altra gente.

      Elimina
    4. L'ossimoro è ovvio. E ovviamente parte essenziale della faccenda.

      Elimina
  9. uhm... ammetto d aver difeso senza sosta per anni la teoria dell amicizia tra lui e lei (ma si che esiste, giuro!! come babbo natale e nessy!!) poi facendo un rapido escursus sulle passate presunte tali, devo ammettere che in effetti, in fondo in fondo....

    okkey, okkey, hai ragione. passando dalla cotta che avevo per il mio amichetto "fraterno" alle medie, a quello del liceo che quando mi fidanzai mi disse "nessuno mai t amerà quanto t amo io" etc etc...

    restano ovviamente le meravigliose dovute eccezioni (sperando che non pensino a masticarmi le mutande in segreto)


    detto ciò. il miglior amico resta il cane. u.u

    RispondiElimina
  10. Troverei il tuo commento assolutamente perfetto, ma hai un gatto come immagine profilo.
    Basta gatti, Cristo.

    RispondiElimina
  11. Abbiamo appena trasmesso Gli Acristogatti.

    RispondiElimina
  12. Ma l'amicizia per l'amicizia non è proprio contemplata?

    Thunderblue

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non è particolarmente stretta, magari sì

      Elimina