mercoledì 18 aprile 2012

Cose che ho imparato stamattina

Porca vacca ci sono mattine in cui, mentre navighi tra bordate scomposte di appunti e te ne frega così poco che già rimanere concentrata è un'impresa, intanto che finisci la tazza di tè che sta lì da così a lungo che sai non cacherai mai più, contemporaneamente a una blanda battaglia con me stessa per evitare di fumare inutilmente, arrivano tra capo e collo delle epifanie non da tutti.

Ma proprio botte di genialità che se non stai attenta rischi di interiorizzare troppa logica e dopo praticamente non riesce a uscire tutta dalle orecchie e ti esplode il culo.

L'illuminazione è provenuta (si dice così?) da questa breve conversazione:

G.: fff
     ti sei ripresa?
     o ti dobbiamo lasciare ancora sola?

Tazza: perché mi dovevate lasciare sola?

G.: perché sei sola triste abbattuta giratadicazzo?

Tazza: veramente proprio no.

G.: an
     allora sei contenta e di compagnia?
     scusa, avevo calcolato male

Tazza: tranquilla

G.: vado a farmi una doccia

T.: cià

Allora, giusto per evitare che mi esploda il culo:

1- Quando sai essere triste qualcuno che conosci, mi raccomando di non contattarlo: lascialo lì, perché una persona triste più sta da sola, meglio è.
Magari fermenta e diventa alcolica da sé senza manco spendere un soldo al bar.

Corollario: dì pure "Senti, ci sentiamo dopo ok" e poi bada bene di non farti vivo.

2- Questa persona da triste non può essere che interlocutrice noiosa, la conosci da pochi mesi, per quello che sai avrebbe potuto sentirsi triste nella maggior parte dei vostri precedenti incontri ma tu, in quanto veggente non porti nemmeno la questione.
Pratica direttamente il punto 1.

Corollario: per allietarla state tutti al piano di sotto e fate un po' di casino, così capisce qual è il livello a cui  ambire per poter essere reintegrata.

3- A meno che qualcuno non sia qualificabile come "Contento e di compagnia" non c'è interesse nell'averci a che fare.
Ad esempio nel caso in cui una conoscente si trovasse in premestruo sulla vostra vettura e accidentalmente attraversasse un cambio d'umore si consiglia di aprire la portiera e scaraventarla giù alla massima velocità possibile.

Corollario: per avere un margine di sicurezza elevato nei confronti del clima emotivo nel proprio habitat, meglio affittare comparse.

4- Dichiaratelo apertamente, così la persona che potrebbe far ricadere su di voi la propria tristezza si sentirà stimolata a rallegrarsi.


Sperando di esservi stata utile nel girarvi cotanta genialità, non  posso che consigliarvi di farne tesoro e chiedermi quali mirabolanti scoperte riserverà il pomeriggio.
E ricordarvi come sia dalle giornate da dimenticare che nascono le sbronze più memorabili.

3 commenti:

  1. "Ma proprio botte di genialità che se non stai attenta rischi di interiorizzare troppa logica e dopo praticamente non riesce a uscire tutta dalle orecchie e ti esplode il culo."

    leggerti è meravigliosamente poetico.

    RispondiElimina
  2. Stavi meglio nell'altra casa, son sicura.

    RispondiElimina
  3. La gente che si preoccupa degli altri è insopportabile tanto quanto la gente che non si preoccupa degli altri.
    La gente, in sostanza, è insopportabile.

    RispondiElimina