giovedì 9 febbraio 2012

Manuali: Cose che gli uomini dovrebbero capire ma del resto non si può pretendere che piova al contrario 2

(Mammamia quanto mi gasa 'sto upgrade ai commenti, ma da quanto c'è?)

Dicevamo.
Uomini, qualunque sia il motivo per cui esce con voi, il punto è un altro.
Le piacete?
Non le piacete?
Ve la darà?
Solitamente la donna, con astrusi calcoli basati su canoni del tutto personali e imperscrutabili, deciderà in base al vostro comportamento.

Ora, voi non saprete mai se non dopo mesi e/o anni il motivo per cui ve la dette o meno, potrebbe essere una roba del tipo "L'unghia del tuo mignolo era troppo tonda, fosse stata quadrata sarebbe stato un sì" oppure un "Quella sera nel locale non c'era nessuno di interessante, era freddo quindi andavi bene tu".

Donne, personalissima opinione: in ogni caso non datela a qualcuno che legge 'sto blog.

Non lo saprete e a meno che non siate latentemente poco etero non avrete modo di accorgervene durante la serata, se non osservando pochi ed evidenti segnali.

Se prima abbiamo argutamente vagliato i presupposti, vediamo ora le fasi (cioè solo la prima che devo studiare poi), pensando ad una situazione in cui  c'è scarsa conoscenza dell'altro eh: parliamo di una prima uscita.

2- L'Arrivo:

Lei si presenta con abbigliamento, trucco, parrucco

In nulla diversi dal solito
In questo caso tutto è piuttosto indefinito, comportatevi normalmente come i suoi vestiti e prendete la serata come viene, vuol solo dire che la sua soglia-panico all'idea di uscire con voi va da zero a quattro su una scala da uno a dieci.
Non per forza negativo: difese basse.
Vi interessa? Avete ancora spazio di manovra.
Non vi interessa? Cazzo ci uscite a fare? Comunque bevetevi 'na birra e divertitevi in baracca.
Volete solo farvela? Dubito ci riuscirete stasera.

Più curati del solito: figo, partite in vantaggio, non perché necessariamente le interessiate ma perché almeno un po' di ansia da prestazione c'è (sperando sia diretta a voi e non al suo ex che guarda caso frequenta il-lavora nel- abita vicino al posto in cui siete diretti).
Vi interessa? Giocatevela bene. Se non foste maschi - quindi una razza in netta inferiorità intellettuale rispetto al resto del mondo - vi direi di seguire una condotta chiara e dettagliata ma non siamo qui a pettinare le bambole e conoscendovi potrei anche spiegarvi come arrivare dritti dritti alle sue mutande (o all'appuntamento successivo) ma tanto non sareste in grado di eseguire semplici comandi senza indisporre o imbarazzare la vostra accompagnatrice.
Quindi, in bocca al lupo.
Volete solo farvela? Beh considerato quanto costano abiti e trucchi, almeno offrite voi.

Zero cura: Se si presenta praticamente in pigiama, a meno che non sia di pizzo trasparente e lì il problema sarebbe di tutt'altra natura, siete ad un passo dal baratro.
Se poi si comporta da segapalle direi che non c'è speranza.
A meno che non siate di quelle piattole ostinate che appena vedono considerazione minima da parte di una tipa che sarà pure arrivata puntuale - il che potrebbe essere anche solo segno di fastidio "Prima inizia prima finisce" - si ostinano a volerne vedere aumentare la soglia, vi consiglio di bere qualcosa di poco voluminoso con calma e poi schiodare in tempi brevi.
Non siate rompipalle.
Chi ve lo fa fare?
Siete alla fame? Bel casino, ne parliamo un'altra volta.

Prossimo argomento: la scelta del locale.

12 commenti:

  1. Preciso che non ho mai letto il blog di mezzatazza.

    RispondiElimina
  2. Se la donna arriva puntuale o in anticipo, maschi, preoccupatevi seriamente!!!

    RispondiElimina
  3. Stupendo manuale!

    Tazza che ne sai, magari invece qualche mente maschile un filo più illuminata delle altre potrebbe finire per imparare qualcosa. Sicuramente recependo l'unica parte inutile della frase, oppure cominciando al contrario... Ma in fondo non si può pretendere troppo, no?

    RispondiElimina
  4. (Gingle) Con un poco di Rohypnol la ragazza ci sta, la ragazza ci sta, la ragazza ci sta.... (Gingle)

    RispondiElimina
  5. Scusa, non per essere precisini ma, siccome mi fido di te, volevo prendere appunti e non ho capito una cosa. Se si parla di prima uscita, come si fa a sapere se abbigliamento, trucco e parrucco sono i soliti o meno?

    RispondiElimina
  6. Josef K., tu menti.

    Ale, tu sì che capisci!

    Chimera, so per certo che la maggior parte di coloro che mi leggono non sono in grado d'imparare granché ma amo le cause perse

    Conte, quella è la via veloce

    Topper, non parlo di appuntamenti al buio, solo di uscite con gente che si conosce poco o da poco ma comunque non a zero

    RispondiElimina
  7. sono sempre più convinta che il mio ragazzo sia ghei.
    d'altronde aveva un blog su Splinder...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché si presentò al vostro primo appuntamento in biancheria di pizzo?

      Elimina
  8. Io sono una fan dei dieci minuti di anticipo, per spiazzare l'avversario.
    E' anche vero che ho avuto zero primi appuntamenti in vita mia, almeno da quel che ricordo.

    RispondiElimina
  9. Donne, personalissima opinione: in ogni caso non datela a qualcuno che legge 'sto blog.
    Giusto: forse è per colpa tua se dalle signorine son passato ai maschietti.
    E poi lo dice anche FunKu che avere un blogghe su Splindere (come l'avevo io) è da finocchi!
    C'è davvero di che indagare, qui...

    RispondiElimina
  10. Qui mi tocca dissentire a malincuore: io al primo appuntamento mi presento sempre al peggio, così testo l'interesse. Penso "beh se gli piaccio così, vuol dire che gli piacerò pure appena sveglia" che se ci voglio dormire insieme, preferirei non fosse deluso di svegliarmisi accanto.
    Contorto?
    Non per niente sono una femminuccia.

    Stelm

    RispondiElimina
  11. io invece al primo appuntamento non mi presento.
    così posso sempre dire: non la volevo trombare.

    RispondiElimina