sabato 6 agosto 2011

Aspettando Mela

Otto e dieci in piedi.
- Buondì Valentina
- 'Giorno

Diversi minuti dopo colazione
- Buona la pasta
- Sì, ma il succo a temperatura ambiente non è il massimo
- Cacca
- Ancora??

Poi in stazione
- Ciao Valentina, grazie di tutto, appresto
- Prego Mezzatazza, buone vacanze

Stazione di Ferrara.
Compagno di stanza non c'è, casa vuota.
Cacca.
Sbaraccamento roba sporca, riempimento casuale borse, ripresa del viaggio verso casa.

Ore tipo undici risveglio effettivo.
Cazzo la fotocamera.
Cazzo i soldi.
Vabé, amen.

Arrivo in ulteriore stazione intermedia.
Cazzo non ci sono bus prima di un'ora e dieci.
Amen.

"Shakespeare scriveva per soldi" è un libro buono per fare compagnia, fortunatamente.

- Ohi, ciao Marta!
- Ciao, come stai?
"Come qualcuno che non ha niente voglia di passare la prossima mezz'ora ad aggiornarsi con una ragazza che - per quanto tenera - somiglia più ad un orsacchiotto tenerello che a un essere umano.
Cazzo."
- Molto bene grazie, tu?

bla bla bla bla bla bla bla bla bla (continuo a scriverlo perché mi piace digitarlo sulla tastiera, oltre che per dovere di cronaca) bla bla bla bla bla bla bla

Ore circa tredici e quaranta, arrivo a casa.
La porta del bagno non si apre.
Cazzo.
Perché??

Lo stendino, normalmente quieta presenza nascosta dietro alla porta, in un impeto di ribellione si era gettato in avanti, sdraiato scomposto, per un terzo dentro alla doccia, incastrato nel box.
Il modo migliore per bloccare la porta del bagno dall'interno.
Cristo.

Tentativo di disincastramento operato tramite irrisoria fenditura della porta che lo stendino non la faceva aprire oltre, iniziato alle ore 14 con:
- bastone da armadio (quello per prendere le cose in alto) e non ci passava
- copertina di raccoglitore (troppo debole)
- spatola da cucina

Miseramente falliti.

Dunque dunque dunque, in camera ho la sedia fatta da assette di legno.
Disfiamo la sedia, otteniamo assette - figo ci passano!- sìsìsì si solleva lo stendino!
Sì ok ma poi?


Il sollevamento ottenibile rimane insufficiente.

Mah, mangiamo và.
(Accento o apostrofo?)
E sono solo le tre.

6 commenti:

  1. Apostrofo, mi sa. Bella Tazza supermaxieroe!

    RispondiElimina
  2. non ho mai avuto un bastone da armadio.
    interessante lo so.

    RispondiElimina
  3. giuro che non lamenterò più di come sta andando questo fine settimana. almeno fino a domani.
    ;-)

    RispondiElimina
  4. Vah!

    Quel libro di Hornby non m'ha granché preso... mi piaceva il titolo, ma dopo un po' l'ho mollato là. Quasi quasi ci riprovo.

    Buone vacanze Tazza!

    Lilla

    RispondiElimina
  5. Curioso di sapere come si sia conclusa la disperata protesta dello stendino, attendo ulteriori notizie.

    RispondiElimina