martedì 7 giugno 2011

Ad un certo punto mi si è esaurito il ragionamento

Prima pensavo: gran mossa quella di sostenere che Gesù fosse capace di trasformare l'acqua in vino.

Voglio dire, se non li raccogli così i consensi che fai?
Metti uno stand in piazza, tre bandiere e vendi spillette per due euro?
(Grazie al cielo esiste il passaparola, che se ci si dovesse affidare al concetto di marketing del PD..).

Poi però mi salti fuori con 'sta cosa che è morto duemilaeunpo' anni fa.
Ok, magari torna, ma non si sa mai, non è detto, poi forse è tutta 'na vicenda di metafore.

Vaghezze.

Puzza un po' come una di quelle storie della compagna di classe storta delle medie che ogni volta che tornava dalle vacanze estive ti raccontava di essersi fatta il mondo, poi aveva trovato l'amore della sua vita alto-biondo-occhiazzurri-muscolini (erano gli anni di Di Caprio e Nick Carter), presto lei sarebbe andata a trovarlo e lui l'avrebbe sistemata in una delle ottocento stanze della sua casa superfiga, corteggiata allo sfinimento, insegnato fare surf e cose così.

Si faceva finire di raccontare la storia solo per sfotterle meglio poi.

Idiota.
A parte l'inguardabilità, di cui è responsabile per un buon 40% l'impietosa pubertà, per un 30% il fatto che sei insicura quindi cammini gobba e ti vesti di merda e per il restante 30% il fatto che in effetti sei un po' un cesso, devi essere del tutto deficiente per tornare a scuola e come prima cosa dirigerti verso il gruppo delle fighe a raccontare 'ste stronzate.

E che il buosenso non esista è dimostrato con tutta evidenza dal fatto che quando vengono a dirti 'ste stronzate non li pigli a male parole

- Per la grazia del signore nostro
- Ma vaffanculo, cretino
Il mondo è degli storti.

Perché gli storti ci lavorano sopra.

Vanno per prove ed errori, animati dall'indicibile frustrazione del non essere accettati, derisi, eventualmente crocefissi o schiavizzati.

Osservano, prendono nota.
Vanno dal parrucchiere, si mettono l'apparecchio e abiti nuovi, fanno proseliti e si circondano di persone messe peggio di loro e scalano con pazienza le pareti di roccia che li separano dalla cima.
E spesso ci arrivano.

Infatti il Papa è un cesso.

3 commenti:

  1. Mi pare non ci sia nient'altro da aggiungere.

    RispondiElimina
  2. Ecco, io ti adoro, nonostante pochi post fa tu (tu?) abbia dato ragione a Biagio Antonacci.

    RispondiElimina
  3. cazzo..ecco ilmio problema:son figa!

    RispondiElimina