mercoledì 20 aprile 2011

La Ceci e Carlo, Robert, Simone (chi cazzo è Simone?), la bici, dov'è la bici? E dov'è il mio telefono?
Perdio.
Non posso aver perso un altro telefono.
Eccolo.
Ok.

Di chi è il numero che ho salvato?
Perché non è mattina e sono sveglia?
Ho fame, un sacco di fame.

Ma come sono arrivata qui?

Bagno, devo andare al bagno ma la testa è troppo pesante e non si può mica sollevarla così facilmente.
Via i jeans.

Diomio qualcuno sta prendendo a calci i miei occhi da dentro la testa, ho fame, i topi dormono e io no.
Ormai è mattina?
No, sono quasi le cinque e ho fame.
Ma a che ora sono andata a letto?
Oddio forse mi ricordo, ma credo preferirei di no.
E ho freddo.
E vorrei una sigaretta.

Per la miseria toglietemi il telefono quando bevo.
Toglietemi anche l'artrite se vi va che fa male, ma prima il telefono.
Ma chi è che si soffia il naso a quest'ora?

La fumo 'sta sigaretta?
Dov'è finito Marco Columbro?
La fumo.
Mi manchi.
Ma non ora, in generale dico, e allora va bene molestare gente a caso.
Ora ho freddo, un po' di male addosso e il cinguettio di uno stormo di piccoli stronzi nelle orecchie.

Ma tipo, tu dove sei?

A me andrebbero degli spaghetti di quelli che aggiungi poi l'acqua calda per mangiarli.

Pensavo, noi poi si era solo dei bimbi sperduti, ma sono le cinque e venti e Peter Pan non si può citare così a caso.

Adesso adesso che sensazione strana: la testa che fa malissimo ma è come se non fosse la mia.

La Ceci e Carlo, che teneri che sono.
Litigano di continuo.
Cioè, lei litiga e lui è innamorato, ma poi lo è anche lei quindi non c'è problema.

Mi sto annoiando.
Pensavo, rivorrei indietro una sera e rivorrei indietro proprio quella sera là.
Con te, sì.
Noioso come sei lo so che non te la ricordi nemmeno, ma è stata così bella che non voglio addormentarmi pensandoci ora perché la stropiccerei.
Mi addormenterò chiedendomi chi è Simone.

Anzi, lo chiamo e lo chiedo a lui.
Dopo però.

11 commenti:

  1. Leggerti ha lo stesso effetto di un trip chimico.
    Solo che costa molto molto meno.

    RispondiElimina
  2. Cioè: i tuoi stronzi cinguettano?
    Deve essere un'esperienza quasi mistica.

    RispondiElimina
  3. mi piace avere dei ricordi talmente belli che fa quasi paura ripensarli per paura di stropicciarli con inutili pensieri e considerazioni. credo sia una tra le cose che più amo della vita.

    RispondiElimina
  4. Columbro era già buddista. Poi, mentre faceva Paperissima e quelle cose lì, ha avuto un ictus e quando si è ripreso ha deciso di diventare buddista. E nessuno ha avuto il coraggio di dirgli che già lo era.
    Mi piace pensare sia andata così.

    RispondiElimina
  5. Cambia titolo al blog. Diari di una tossicodipendente e delle sue amnesie

    Puzza87

    com'è che io ricordo sempre tutto? Purtroppo.

    RispondiElimina
  6. Non te lo vorrei dire, ma l'LSD sta diventando troppo di moda. Torna alla cara vecchia canna che ci manchi.

    E comunque sei fantastica.

    RispondiElimina
  7. Mentre leggevo mi chiedevo se fosse un sogno o effetto sbronza... mi sa la seconda... ^_^

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. un sabato come un altro
    o peggio
    un giorno come un altro
    Simone?
    uno come un altro
    mezzatazza?
    unica.

    RispondiElimina
  10. guarda tazza, se è simone come è simone quel simone che conosco io, ammazza che palle. mglio non saperlo.

    RispondiElimina