lunedì 25 aprile 2011

Buona abbuffata.

Sapete cosa non sopporto?
No, impossibile che lo sappiate, o che comunque conserviate in memoria l'equivalente in mie seghe mentali di tutte le serie di Beautiful, quindi vi faccio un sunto delle tre cose che mi irritano oggi:

- Ricordare i sogni che ho fatto.
Mi servirebbe qualcuno che al risveglio, prima che io riesca a riunire le fila dei pensieri che aprire gli occhi dissipa, mi placchi e mi dia mazzate.
Così, per distrarmi.
Ma un filo meno violento di mia nonna però.


- La gente che al tuo "Buona pasquetta" risponde con sufficienza "Buon 25 aprile".
Parliamone un secondo.

A te, dove per te intendo studente della minchia, lavoratore di poche pretese, casalinga disperata e chi più pirla ha più ne metta,  non deve fregare proprio un cazzo di un 25 aprile a caso.
Che senso ha festeggiare la liberazione da dietro queste sbarre?
Contro le quali oltretutto ci strusciamo soddisfatti, grati di avere tanti motivi per riempirci la bocca al bar.
Solo un altro insulto.

Viviamo in un paese di merda, con leggi di merda, gestito da teste di cazzo di proporzioni così smisurate che devono aver piantato cariche esplosive per uscire indenni dall'utero delle loro madri e pensiamo che una bandierina allegra e vigorose strette di mano a settantenni baffuti abbiano un qualche perché?

Siete ridicoli.

- Ultimo ma non ultimo, tu.
Ma se mi conosco, ci tornerò sopra in queste pagine.
Meglio se esclusivamente in queste pagine.

10 commenti:

  1. Fortunatamente non conosco nessuno che festeggia il 25 aprile.
    per una volta la mia selezione della conoscenze è riuscita con successo

    RispondiElimina
  2. Sono appena tornato con il mio suv a partire da 65.000 euro dalla pasquetta. Mi sono divertito tanto con il popolo a fare il picnic in mezzo ai prati pulitissimi fuori al casello dell'autostrada nell'area di sosta.
    Ora, di cevo, mi sono appena liberato e mi sento molto, ma molto meglio.
    Farla a casa propria è una gran bella cosa.
    Come vedi io festeggio ancora la liberazione. Tiè!

    RispondiElimina
  3. con "settantenni baffuti" mi hai fatto morire. concordo in pieno. buona pasquetta

    RispondiElimina
  4. Al contrario: oggi, se la gente mi faceva gli auguri per la buona Pasquetta (ero a lavoro), m'incazzavo perché nessuno si ricordava del 25 Aprile.
    Eccezion fatta per i miei colleghi, pronti a godersi un doppio indennizzo festivo.

    RispondiElimina
  5. Buon 25 aprile (con tono di sufficienza)

    RispondiElimina
  6. No ma, siamo seri, la pasqua è una festa stupida.
    È una festa prettamente religiosa e, proprio per questo, ha il terribile vizio di farmi sentire in colpa per starmene a casa a poltrire ateamente. C'è anche da ammettere però che io sono piuttosto paranoico. A proposito: quel "tu" all'ultimo punto sono io? Perché ce l'hai con me?

    RispondiElimina
  7. La Pasqua, più che stupida, è un imbroglio e per farsene un'idea invito ad andare a cercare qualcosa sulla Navigium Isidis in rete.
    Cmq tu, Mezza, sei davvero tanto livorosa...
    F66

    RispondiElimina
  8. i sogni mi atterriscono sempre di più; le celebrazioni del 25 aprile spesso mi allibiscono; ai governanti le mine che hanno usato per nascere le metterei altrove e per l'ultimo punto non mi intrometto, ma fossi il destinatario del messaggio, tremerei!

    RispondiElimina
  9. Consumata dal dubbio: gli sei tornata sopra alla fine?

    (commento già dichiarato vincitore dell'anno per la categoria: "fare della facile ironia con domande drammaticamente scontate")

    RispondiElimina