lunedì 7 febbraio 2011

Shallallallallalà - Aiuto.

Fine mattina:
- Allora ciao a tutti, io vado
- Ma V., hai da fare un sacco di strada a piedi, sei senza mp3?
- Eh l'ho dimenticato.
- Se vuoi ti presto il mio, non è che ci piaccia la stessa musica però..
- Sì dai, piuttosto che niente, allora grazie e te lo riporto nel pomeriggio.

Accadeva diverso tempo fa: un'amica tornava a casa dalla biblioteca per il pranzo e aveva un sacco da camminare e le avevo prestato il mio lettore mp3.
Nel primo pomeriggio, ritrovo al bar per il caffè, arriva a restituirmi l'aggeggio dicendomi:
- Grazie per il pensiero ma ti prego: non farmi mai più una cosa del genere.

Anche se da allora ne è passato, il tenore della mia playlist non è cambiato di molto: inizi ad ascoltarla e ti passa la voglia di vivere.
Ti accoglie una mestissima Carmen Consoli, poi arrivano i nofx nervosetti ma comunque poco allegri, si incrociano tristemente De Grogori, Guccini, la mia canzone preferita e altre loro, il pezzo più smorto degli Staind, i momenti difficili degli Oasis, etc etc.
Due giga di musica decisamente deprimente.

Ah no, due canzoni non deprimenti ci sono: questa mi fa un sacco ridere e questa la ascolto compulsivamente da anni ed è bellissima (il video no, è pessimo).

Il fatto è che a me le canzoni piacciono o non piacciono a seconda di quando le ho ascoltate, di chi me le ha fatte conoscere, del punto passato al quale mi riporta per quei due minuti e mezzo risentirle.
Però questa altisonante visione del mio lettore mp3 conduce ad un rapporto un filo problematico con la musica, temo.

Mi porto dietro le pene di Vinicio Capossela, le amarezze di Samuele Bersani, le peggio scene di alcune serie televisive con le loro colonne sonore, e anche un paio di pezzi della Mannoia che non so se sia mai stata felice a questo punto, più un misto di gente straniera, tutta probabilmente morta suicida.

Non è che avreste suggerimenti per una playlist che non provochi autolesionismo e depressione almeno fino alle dieci di mattina..?

11 commenti:

  1. IO nel mio iPod ho in pratica tutta la discografia degli Smiths quindi non sono la persona più indicata.

    Però non manca mai "38 luglio" (mi secco su blogspot a mettere i link ergo vedi te)

    [se vuoi essere veramente da suicidio aggiungici Leonard Cohen)

    RispondiElimina
  2. Led Zeppelin, e non ti deprimi.
    E ti consiglio anche Nuno Bettencourt (con i suoi vari gruppi, scegli tu quale Extreme, Mourning Widows, Population 1 o Dramagods)

    Per andare sul sicuro cmq, i Gomez e non sbagli mai.
    Mai.

    RispondiElimina
  3. Queen, ACDC, Genesis, Bryan Adams primi tempi, Maroon5, Police, Toto, Supertramp, Elio e le storie tese.

    RispondiElimina
  4. Beh, non sono proprio la persona più indicata per consigliare musica allegra.
    Se pensi che fra i miei musicisti preferiti ci sono De Andrè, Sigur Ros, Radiohead, Tool e tutta una serie di gruppi progressive rock e post rock che come prerogativa emozionale non hanno di certo quella di far sorridere chi ascolta.
    Insomma eccetto gli Elii non saprei cosa suggerirti.
    Mannaggia.

    RispondiElimina
  5. tazza, mancano i marlene kuntz. devono essere assolutamente in ogni mp3 degno di chiamarsi mp3.

    RispondiElimina
  6. Cristina Donà, Meg, le luci della centrale elettrica, Sud sound system, Il teatro degli orrori, i Verdena, Afterhours, Folkabbestia, Marta sui Tubi, Smiths, Beatles, Lucio Battisti, David Bowie, Paolo Conte, Malika Ayane, Negramaro (ma solo i primi due album), I massimo Volume, Bologna Violenta, Bachi da pietra...ecc. ecc. non sempre musica allegrissima...però questo è il mio lettore...

    RispondiElimina
  7. Oddio, Tazza, abbiamo molta musica in comune e io non sono una donna decisamente felice... corri ai ripari, finché sei in tempo... corriiiiiiiiiiii ^_^

    RispondiElimina
  8. Se ascoltassi Pino Daniele o Mango saresti molto di più da suicidio secondo me.
    Senza musica triste sarebbe un mondo pieno di musica allegra! probabilmente saremmo mormoni con dodici figli a testa ed in questo momento sarei a letto a dormire su lenzuola nuove di pallino. Il mondo è perfetto così com'è, con le mie lenzuola veterane di molte battaglie, la paranoia che ci portiamo dietro dalle medie e la musica da rifiuto umano. L'unica pecca è Vinicio Capossela. Probabilmente è la sua musica il peccato originale. Fuck Vinicio,stavo tanto bene con le balle al vento.

    Dr.Fumetto

    RispondiElimina
  9. Village People.
    Mozart a gogò (specie la parte sinfonica).
    E poi, certo, le sigle dei cartoni animati - ché quelle non ti rattristano mai.
    A meno che tu non guardassi cartoni di merda, ovvio.

    RispondiElimina
  10. Zoe Jane mi ricorda una notte a base di porto rosso e la mia quasimorte...ma in compenso tutto il pre, fu bello!
    Guglielo Tell è fantastica :D non la conoscevo...
    non capisco tutte le parole, ma concettualmente ci sono!!
    Il resto delle tracce che hai linkato, te le quoto a pieno tutte *_* ce le ho anch'io ;)
    Anche a me Mr. Jones fa quell'effetto... :)

    RispondiElimina
  11. Ciao! Dei tuoi gusti musicali condivido poco, anzi a dire il vero mi hanno anche colpita, mi aspettavo tutt'altro.
    Io ti consiglio Yuppie Flu, Broken Social Scene e Architecture in Helsinki. Sono decisamente anti-suicidio.
    Ah sì, dimenticavo di dirti che a volte non condivido quello che scrivi, ma lo scrivi davvero bene!!

    RispondiElimina