venerdì 4 febbraio 2011

No, evidentemente no.

Dunque.

In due giorni ho pestato due cacche di cane, e consiglierei a loro o a qualunque mammifero l'abbia mollata lì di cambiare dieta perché per consistenza e odore mi pare che abbiano un'alimentazione scorretta.

Ho portato in giro in una mano la bicicletta - e una mezza tonnellata di libri nell'altra - perché è da aggiustare, dimenticando che il giovedì pomeriggio qui i negozi sono chiusi.
Mentre entravo nel cancello di casa, sbilanciata da bici e libri, ho strappato la giacca nuova.
Stamattina non ho sentito la sveglia e ho fatto bollire il caffè.
Ho cercato qualcuno con cui litigare per sfogare il nervosismo ma oggi a quanto pare il fottuto mondo è adorabile e non ci sono riuscita.

Ma pestare merde non doveva portare bene?
Fanculo.

4 commenti:

  1. "Pestare una merda porta fortuna": è uno dei tanti metodi per cercare di dissuadere le persone dalla convinzione di essere sfigate.
    Tipo "sposa bagnata, sposa fortunata".
    Una boiata, insomma.

    RispondiElimina
  2. Poteva piovere durante il tragitto.
    Sposa bagnata va sempre bene. Anche non sposa, basta che è bagnata.

    RispondiElimina
  3. forse non erano di cane
    (commento disgustoso, lo so.)

    RispondiElimina
  4. Senza le cacche era previsto che ti piovesse un pianoforte sulla testa, non lamentarti... :-)

    RispondiElimina