giovedì 24 febbraio 2011

Mattina 3

Ieri sera, dopo una breve ma intensa crisi di nervi, sono andata a letto.
Sarà stata l'una.

I coabitanti di questa casa sono tornati alle due e un quarto e mentre io ancora cercavo di addormentarmi, suoni inquietanti giungevano dalla cucina.

Sono riuscita a dormire più o meno quattro ore e mezza.

Ho posposto la sveglia almeno cinque volte, mi sono alzata, sono uscita a fare colazione che a me piace farla in compagnia, passando prima per il bagno a fingere di pettinarmi rendendomi conto che la mia faccia era ancora ridotta così male che manco ad un becchino l'avrei mostrata.
Non volevo pormi il problema su che fosse quella roba rossa schizzata un po' in giro.

Esco, colaziono, fumo una sigaretta al telefono con un'amica, torno in casa e svuoto la scrivania, entro in cucina per preparare la tanica di caffè.

Sul fornello una pentola contenente non so che, all'apparenza cinque Kg di scamorza prima cotta poi lasciata lì, insomma non so ma c'aveva 'na consistenza strana, una discreta vomitata nel lavello, un Economista che esce dalla sua stanza in mutande, mi guarda e inizia a ridere e mi aggiorna sulla nottata:
"Siamo andati al Mc, abbiamo molestato un sacco il tizio poveretto chiedendogli dei Mc Spritz e Mc Birra, ce ne siamo andati in giro per il posto con le facce dentro alle sagome di cartone per fare le foto" etc.

Primo anno compare moribondo
- Che mal di testa..
- Ma ..hai vomitato nel lavello
- Mah, io non mi ricordo niente.. di chi è oggi il turno lavaggio piatti? ... Tazza!
- Scusa?
- Ci ho provato.

Sarà una giornata lunga.
Ah, quelli nella pentola erano Risoni, messi lì a bollire e poi abbandonati al loro destino mentre tutti si addormentavano.
La prossima volta che rischierò di morire in un incendio vorrei almeno che fosse per salvare un gatto, sennò tutti quei telefilm che me li sono vista a fare?
Vasco non ha capito un cazzo: questa è vita spericolata.

8 commenti:

  1. Vasco non ha capito un cazzo in generale, eh, diciamo.

    RispondiElimina
  2. Giuro: ho pensato che la vomitata fosse una metafora.
    Come si vede che non coabito con dei ragazzi.

    RispondiElimina
  3. quella base di orgoglio per il fatto di vivere una vita piena di stramberie rende il post ancora più godibile.

    RispondiElimina
  4. detto da una con il tuo nickname rende la replica ancora più cretina.

    Dr.Fumetto

    RispondiElimina
  5. ah beh, se lo dice dr fumetto mi fido.

    RispondiElimina
  6. ...e per questo non riceverai altri improperi. premiamo la furbizia, soprattutto se inaspettata.

    Dr.Fumetto

    RispondiElimina