martedì 1 febbraio 2011

Insonnia.

Lù.
Chiama?
Ok

- Uèi
- Ciao Lù, come va?
- Mo bene dai, te?
- A parte l'insonnia tutto ok.
- Ancora non dormi? Cheppalle.
- Lascia stare: ieri mi sono messa a letto alle dieci meno dieci, ho scritto, ho letto, ho fatto training autogeno e alle due ero così scazzata che mi sono tirata su a stendere la roba.
- EH?? COS'HAI FATTO?
- Ho steso roba..
- Ma in che senso??
- Come in che senso? Ho aperto la lavatrice che aveva appena finito e ho steso.
- Aaaaaaah.
- ..eh?
- No, è che pensavo ti fossi drogata.

Fortuna che sono io quella che non dorme.
(Baci Lù)

4 commenti:

  1. ih ih ih
    Invece io ho subito pensato alla lavatrice, che sono anni che sogno di avere un attacco di insonnia tale da farmi alzare in piena notte a finire tutti 'sti lavori che di giorno non riesco mai a fare.
    Se invece Lù vuole anche stirare un po', dille di bussare da me, la prossima volta...

    RispondiElimina
  2. Brrrrr, stendere i panni alle due di una rigida notte invernale... Se penso al terrazzo di casa mia, battuto da tutti i venti del nord, dell'est e dell'ovest... Molto meglio stirare, anche se: 1) è la faccenda casalinga più scocciante in assoluto, e posto che: 2) contemplare un gran pavese di panni tesi garrire al vento con le mollette assortite in tinta è una gratificazione potente.

    RispondiElimina
  3. Comunque, pensandoci bene, in qualsiasi frase ci può essere un riferimento al drogarsi.
    Anche in "Posta un commento".
    "Si dai, posta un commento. Fallo bello carico, mi raccomando".

    RispondiElimina