martedì 25 gennaio 2011

Stamattina.

- No, ma cosa stai facendo??
- Basta.
- Oddio, ma c'è una guerra lì dentro
- E chi vince?
- Boh, i verdi però perdono
- Cosa uso per staccare tutto?

- No! Quello no

- La mannaia
- Ma io l'ho usata sabato
-Vabè si lava

- Io non la lavo

Stamattina, mentre un'impegnata Mezzatazza era immersa nella lettura del secondo libro di Nonsolomamma - e per questo parla in terza persona:  le gradite letture la influenzano sempre molto - ha visto rientrare in cucina due debosciati coinquilini alla ricerca di una scusa qualunque per non studiare.

L'Economista è entrato per primo, si e appoggiato al termosifone e ha guardato fuori in terrazzo dalla portafinestra alla sua sinistra.

- Ma quella pentola come è arrivata lì?!

- Io credo sulle sue gambe

Quattro mesi fa circa, Mezzatazza e il Dr.CompagnoDiStanza hanno attraversato la fase Cinafila, nel senso che per un tempo indefinito si sono nutriti esclusivamente di cibo asiatico: noodle liofilizzati, gnocchi di riso, spaghetti di riso, nuvolette di gamberi e salsa di soia.
In quel periodo, una pentola che non si sapeva dove riporre causa ospiti e spazio esiguo, contenente all'incirca mezzo Kg tra funghi cinesi, alghe cinesi e cipolle, è stata posizionata da una Mezzatazza decisamente brilla nella scarpiera in balcone e poi dimenticata per un paio di settimane e in seguito osservata a distanza dagli abitanti di casa con rispetto e diffidenza.

Lì La Pentola ha gentilmente ospitato la crescita rigogliosa di una vasta gamma di muffe, in continua competizione territoriale tra loro a causa dell'angusto spazio.

Dr.CompagnoDiStanza qualche giorno fa, ha deciso di operare le prime manovre d'avvicinamento, per non correre il rischio che un esercito di lillipuziani uscisse dalla suppellettile apparentemente radioattiva e riducesse il popolo ferrarese in schiavitù.

E mentre un Economista schifato assiteva un Dr.Co. animato dal fuoco sacro del dovere civico, l'allegro villaggetto di muffe è stato rovesciato nella spazzatura e La Pentola sciacquata con candeggina, con acqua, messa a scaldare sul fornello prima con solo acqua poi con aceto causando una situazione pestilenziale che ha richiesto l'apertura di tutte le finestre di casa.

In quel momento è tornato Dr.AlPrimoAnno, che da bravo ventenne la sera prima aveva detto: "Vado a cena fuori, ci vediamo dopo" e ha un concetto di "Dopo" ad ampio spettro.
Dr.AlPrimoAnno ha una ragazza che si chiama come lui meno che per l'ultima lettera del nome.

- Economista, pensa se anche tu avessi trovato, con il nome strano che hai, una fidanzata che si chiama al femminile di te
- Tazza ma il mio nome è già al femminile
- E allora una con il tuo nome maschile
- Ma lo sai che da piccolo avevo i capelli così belli che la mia  mamma me li faceva portare lunghi fino al sedere?
- ..eh?
- Sì, e poi un signore a cui mio padre vendeva polli continuava a prendermi in giro dicendomi "Sei una femminuccia", incurante delle mie proteste, allora gli ho dato un pugno nelle palle e mio padre sul momento ha fatto finta di sgridarmi ma poi ha detto che avevo fatto bene e che era fiero di me.
- Mah, poi tu hai il visetto dolce e quindi da piccolo magari somigliavi davvero ad una bimba.
- Sì. per questo facevo vedere il pisello a tutti.

Mezzatazza per concludere qualcosa che non fosse il libro di Nonsolomamma in meno di 4 ore è uscita di casa e si è diretta in biblioteca, ma non poteva fare a meno di trascrivere queste cose per paura di dimenticarsele.
E avvisa che domani ricomincerà a parlare in prima persona.

8 commenti:

  1. bello, anche se noi la preferiamo quando scrive in prima persona, mica si starà montando la testa?

    RispondiElimina
  2. Non somiglio ad una bimba, ma perché privare l'intera umanità della vista del mio pisello?

    Ok, ok, le implicazioni con la legge, ma cos'altro me lo impedisce?

    RispondiElimina
  3. mi hanno costretto, io non volevo

    comunque
    io una volta avevo una pentola così e l'ho lasciata (chiusa con un coperchio) in giardino per settimane

    alla fine i padroni di casa hanno avuto pietà di me, l'hanno presa, l'hanno lavata e me l'hanno messa all'ingresso

    RispondiElimina
  4. meno male non ha optato per il latinorum !!!

    RispondiElimina
  5. Wow, è tornata la Tazza, clap clap, bella, bella, bella la pentola con le muffe cinesi, sembra di assistere alla scena, semplice, perfetta, vita vissuta, autentica, vivace, divertente! E pensare che c'è gente patetica che non sa suscitare una risata nemmeno mettendosi artificiosamente una padella in testa.

    RispondiElimina
  6. ...io ho lascito delle bistecche in frigo per mesi....alla fine mi ero quasi affezionata alle larve (un po' meno alla puzza da morto che c'era in frigo..)

    RispondiElimina
  7. Un amico tenne un pezzo di pane alle olive in un Tupperware per una decina di mesi. Alla fine la chiamavamo "la cosa". Nessuno ha osato aprirlo, è volato direttamente in un cassonetto...

    RispondiElimina
  8. Il banner di oggi recita: "corsi di sushi a Roma"
    Direi perfetto abbinamento con il post, così prendo la tua surrealtà ferrarese, e la trasformo nell'immaginario dei miei concittadini che si iscrivono in massa a corsi di sushi: "Ao mortacci tua er pesce crudo è bbono in culo."

    RispondiElimina