mercoledì 12 gennaio 2011

Piccola mappa telematica: Blogville & Coming out ai contatti abituali.


Ogni tanto sento contatti che dicono "Non ci capisco niente tra i vostri blog, non so orientarmi" o "Non c'avete un cazzo da fare" o "Siete malati".
Di norma m'impegno a rispondere solo alla prima asserzione che le altre due sono facili: "Sì", "Sì".

La blogosfera si divide in zone definite che a tratti s'intersecano, come popolazioni da piazze di paeselli confinanti alla domenica mattina, con tutti i gruppetti del caso.

Non so se sia un modo di vederlo tutto mio, ma c'ho un'idea del mio paesello virtuale.
Inizio, essendo paesana, dall'uscita dalla chiesa.

Potete trovare, dopo la messa, il gruppo dei cattolici gasatissimi con Gesù che parlano di scritture, di quanto è grande Dio e cose così e che mi hanno chiesto di togliere il link quindi suppongo lo troverete al commento #4.

Personalmente li trovo noiosi sia nel reale che nel virtuale e vado oltre, lasciandoli interagire con i gruppi di attivisti parrocchiali che sono un po' più vivi e organizzano attività spammandole un ovunque.
Online hanno blog pieni di effigi sacre e brillantini che incorniciano l'amore del Signore e cose così.
Per strada sono pieni di santini e rosari che glorificano l'amore del signore e cose così ( vedete che non è difficile?).

Mi sposto dalla chiesa che grazie al cielo ne sono uscita da mò e a piccoli passi  - passo passo passo passo - mi fermo sotto il portico, passando per il capannello dei credenti fichi, quelli che vanno a messa ma sono pure semi intellettuali da baldoria e serate con birra e stupidate, che non mi trovo d'accordo con loro ma ogni tanto ci chiacchero perché sono persone piacevoli.
I loro blog sono belli da leggere, al massino non condividi ma ci passi qualche minuto volentieri, prima d'incancrenirti sul problema "Religione".

Si procede ancora e si svolta l'angolo.
Arrivo al bar fico verso il centro, con fuori le seggiole con i cuscini e tutte persone vestite bene lì davanti a parlare di nulla perché è domenica e bisogna.
Quelli sono in giro per far due chiacchere e vedere gente e poco altro, senza impegno.
Sono un gruppo che ha altro da fare e in questo tempo vuoto cazzeggia.
Nella Blogville scrivono quando gli va, cose carine e sono simpatici.
Non tutti li conosci bene bene ma li saluti volentieri.

Ci sono diversi personaggi: quelli saggi, quelli piacevoli , quelli di poche parole, quelli gioviali e così via.
Saluto e procedo.

Vicino alla tabaccheria trovi gente che s'incrocia a caso e si ferma per due parole, ci sono persone con la faccia un po' sbattuta dalla sera prima che scrivono e filosofano sulla propria vita ma in modo fico.
Trovi qualche mamma che compra un cioccolatino o non so che per la prole ma che è un po' di corsa che ha da fare e pensare ad un sacco di cose sue.


Però è tardi è devo tornare di corsa a casa, proseguo il giro la prossima volta che ho tempo.









In 'sto blog a breve ci saranno più post di servizio che altro.
Manco trenitalia manda tutti 'sti avvisi per rattoppare il servizio scadente, ma io, che sono meglio di un vagone puzzolente - sebbene alcuni ritengano che abbiamo le stesse dimensioni - se non dico due parole mi sento in colpa.

Per i commentatori, specie quelli affezionati che adoro leggere, che ci faccio caso se mancano per un po' se non altro per chiedermi dove siano finiti, volevo dire: checcazzo non mi piace rispondere ai commenti.

A me piace un sacco leggerli, ma se poi mi mettessi a rispondere so che in automatico sarei sempre qui, a vedere se mi si è risposto indietro, dicendo cosa e poi chi e poi come, insomma ci metterei del tempo.
Per interagire al di là ci sono i messaggi privati (ai quali rispondo sempre, che spesso uso per rispondere a commenti ricevuti qui), le mail (alle quali rispondo sempre) e facebook (dove aggiungo chiunque).

Un po' d'ordine, per la miseria, se no poi mi c'imballo.

Preferisco ricambiare le visite quando posso.

Ai flamer inscopati mi diverte rispondere perché li trovo coinvolgenti come gli insetti quando muoiono pancia in su: lì due minuti ce li perdiamo tutti, ammettiamolo, a guardare le zampette ruotare a vuoto per aria.
Sono ipnotici.
Poi te ne sbatti per il resto della vita.

Voi altri siete belli da leggere, non da ribattere.
(A proposito, grazie di leggermi)
(C'avete 'na cippa da fare manco voi).






7 commenti:

  1. ci avrei scommesso che quell'anonimo era uno che ti avrebbe scopata ma a cui hai infilato tra le chiappe solo 1 due di picche...

    uhmmm....sì...effettivamente non ho niente da fare, o meglio:di cose da fare ne ho fin troppe, è la forza di volontà che manca completamente!

    ps:non sarebbe meglio bloccare i commenti agli anonimi?!così gli insetti moribondi possono morire in solitudine e non scassare la michia!

    RispondiElimina
  2. grazie tazza, anche se a mio avviso hai un concetto di saggezza molto personale.

    RispondiElimina
  3. oh non mi fare commuovere.

    cioè insomma non sono un sentimentale io.

    che lo sai che sono un cazzo di egocentrico che quando è citato e quando  si parla di lui è tutto contento.
    Poi se  ciò accade in un blog come  questo insomma tutto vale  doppio.


    RispondiElimina
  4. Sono il blogger del sito Gesu'di Nazareth,ti chiedo cortesemente di togliere il link al mio blog,se tu non credi fatti tuoi,ma lascia libero chi crede di lodare ed esaltare il vero e unico Dio esistente.

    Grazie

    RispondiElimina
  5. utente anonimo12 gennaio 2011 21:41

    "Sono il blogger del sito Gesu'di Nazareth"
    A parte l'assenza totale di ironia, indubbiamente necessaria ai credenti, un lieve sentore di bestemmia non lo avverti, Max46?

    Flèp66

    PS: cmq, è stato utile il tuo link. Ho scoperto l'esistenza del sito caffarra.it.

    PPS: Soccia! Col tuo sito in canna è appena partito un popup pieno di troie russe che mi invitano a un sito di poker online... Alleluia.

    RispondiElimina
  6. io ho smesso di commentare quando mi sono resa conto che:

    - pochi passavano a rileggere cosa avevano commentato;

    - parecchi dopo il mio papiro di risposta non tonravano, per ovvie ragioni, meglio scrivere un altro posr.

    - diversi, manco leggono il post precedente enl caso di più post pubblicati.

    Ma soprattutto... e dovrei dire solo.
    Il più delle volte non ho niente da dire e farei solo bene a tacere.
    mmm forse anche a postare meno.

    :-P

    Oh blog appena scoperto, mi sono decisa a sbirciarlo per via dell'apertura a destra sul perché non rispondi ai commenti e tu mi vai  scrivere un post in cui spieghi come mai non rispondi.

    Coincidenze.
    Spero.

    (Sì, son paranoica forte, ma tanto!)

    :-D

    RispondiElimina
  7. Grazie per i link :-)
    Ho fatto un giro anch'io nel paesello.

    RispondiElimina