martedì 30 novembre 2010

Scientology.

Negli ultimi tempi sento il bisogno di una scossa.
Mi serve un momento della settimana in cui sfogare le mie energie negative.
Un'occasione nella quale esternare rabbia, risentimento, aggressività.

Insomma, pensavo di partecipare ad una riunione di Scientology.

Una manica di dementi che sputtanano soldi e tempo dietro a quello che un essere viscido ha scritto in un libro dopo che i primi suoi romanzi di fantascienza erano risultati delle chiaviche infinite.
Capisco che magari l'ultimo gli può anche essere venuto bene, ma di lì a fondare una religione con la stessa trama di Goldrake mi pare un tantino esagerato.

Poi ti fermano per strada sostenendo cose assurde.
Li ascolto quasi sempre volentieri.
"Ma lo sai che usiamo solo il 5% del nostro cervello?"

Tu di sicuro.
Ma gradirei sapere come hai fatto a ottimizzare così bene perché pari come - non so - avere una marcia in più di Eluana Englaro e mi sa che pure lei sforava il 5%.

Pensa te che spreco, io mi trovo costretta a usarlo praticamente tutto, e sì che mi piacerebbe tenerne un po' da parte per momenti migliori, o - che so - per la domenica così posso sfoggiare la parte più nuova nella piazza del paese.
Avrei proprio un sacco voglia di "un sistema per l'analisi, controllo e sviluppo del pensiero umano, che fornisce anche tecniche per ottenere maggiori capacità, razionalità e libertà dalla scoperta della singola fonte delle aberrazioni che sono la causa delle malattie psicosomatiche" per diventare come te, individuo tra i30 e i 40 anni che molesti sconosciuti per strada ogni fottuto inverno della tua vita da quando hai avuto la brillante idea di affiliarti.

Ma insisto, dimmi di più.
"Il 90% delle malattie è di origine psicosomatica".
Ma dai.
Usate strumenti scientifici fichissimi per arrivare a queste rigorose percentuali immagino, tipo i regoli.

Che sfiga che ho: conosco quasi solo persone rientranti nel 10%, si vede che altre le beccate voi.

Trovo particolarmente piacevole poi quando gli scientologisti vogliono convincermi del fatto che il cancro sia fondamentalmente una sega mentale.

Lo dicevo sempre anch'io ai miei nonni: "Smettetela di dire stronzate, ma quali radioterapie od operazioni, bastano qualche decina di migliaia di euri a Scientology e vedrete che godiòlo", ma loro si sono impuntati così tanto pur di non darmi ragione, che sono morti.
Chissà come hanno fatto.
La mente può davvero tutto.

Vabè basta, mi sono rotte la palle di parlare di Scientology.

Dopo che sarò andata a farmi spiegare come tornare ad essere un entità pura e perfetta e felice nello spazio, magari in compagnia della Teiera di Russel e del Grande Unicorno Rosa, vi farò sapere.


7 commenti:

  1. La loro soluzione è partecipare ai corsi che organizzano pagando un culo di soldi - o facendo proseliti per loro se non pisci denaro quotidianamente - e imparare a controllare la tua mente.

    RispondiElimina
  2. E meno male che ho seguito il link di aureliano... altrimenti sarei rimasta col dubbio che la patafisica fosse la metafisica della patata...

    RispondiElimina
  3. Comunque comprendere e gestire le proprie ansie aiuta molto, senza spendere soldi.
    Scientology ti cerca dove sei vulnerabile per ricattarti.
    Yoga è decisamente meglio.
    Mai letto Boris Vian?

    RispondiElimina
  4. Infedeli segajoli,
    convertitevi al Culto della Forza e al suo sommo rappresentante italiano!
    http://www.piokenobi.org/

    “Illuminati noi siamo, non questa materia grezza”

    Flep66

    RispondiElimina
  5. Se è tutto psicosomatico, ci sarà un sacco di lavoro per noi psicologi. E voi guarirete.
    Sborsando un sacco di soldi, sia chiaro.

    RispondiElimina
  6. Fantastico!!!!  Io sono una personcina moderata, ma questi elementi li vorrei picchiare e anche un pochino forte!!!! Però, non per far loro del male..no...solo per cercare di svegliarli dallo stato di trance in cui versano... Non mi spiego altrimenti come possano credere alle fregnacce che raccontano. La cosa più bella sono i vari Tom Cruise, John Travolta o chi per loro...personone certo ricche, di successo ma soprattutto conosciute che vanno a dichiarare al mondo "Io sono un coglione!". Perchè se diovento io un'adrpta solo poche persone lo saprebbeto...ma Tom e John fanno le cose in grande!!!
    Un saluto
    Chiara.

    RispondiElimina
  7. utente anonimo2 dicembre 2010 20:02

    L'articolo è quanto di più volgare e falso abbia mai letto.
    Non merita nemmeno un tentativo di smentita.

    RispondiElimina