mercoledì 20 ottobre 2010

Tele-random e vino bianco

Coabitare con quattro maschi comporta una serie di conseguenze inevitabili tra le quali trovare sempre ciabatte in giro, partire per il supermercato con l'idea di comprare tre cose e trovarsi con uno scontrino che sarà costato la vita ad almeno tre sequoie millenarie, stare in camera con una chiavetta web presa in prestito e sentire vetri che s'infrangono nell'altra stanza, avere in casa zero tendine per il cesso - dunque farla in mondovisione - ma ben due televisioni decisamente giganti.

Purtroppo, da novizia delle televisioni complicate, mi sono trovata a perdermi tra più o meno trecentoventi canali prima di riuscire a trovare quello dedicato ai cartoni animati.
Perdersi tra trecentoventi canali per due volte al giorno in due settimane nel periodo in cui una ragazzetta viene fatta fuori dallo zio e poi trombata post mortem diventa una cosa un filo macabra.

A me le storie sordide che implicano cadaveri e zozzerie mica dispiacciono, solo che la questione sta diventando un po' monotona.

Con questo non intendo suggerire ai  maniaci che - a proposito: grazie per l'assiduità - continuano a cliccare queste pagine di agguantare una consanguinea minorenne e sgozzarla per poi approfittare dei suoi amabili resti, né tanto meno di estinguere i propri genitori per questioni di incesto e cospicua eredità.

Sono storie già viste: siate più fantasiosi.

La Tv, che per cause testosteroniche di forza maggiore ultimamente vedo più spesso, pare meno interessante e nuova del contenuto delle mutante di Brooke Logan.

Insomma - checcazzo - la situazione è talmente monotematica che, in assenza di una connessione web stabile in casa, mi tocca studiare.
Non credevo che avrei mai rimpianto Mike Bongiorno.
Chi l'avrebbe mai detto che mi sarei trovata a fissare affascinata il nuovo spot dell'anticalcare e a rifuggire lo scenario neuronalmente post  nucleare del Tg1?
O a bramare la visione di Benedetta Parodi che cucina alla cazzo di cane tutto quello che le è avanzato in frigo dopo le zozzate culinarie con il marito?

Ai miei tempi non era così.

Ai miei tempi i telegiornali erano tutti diversi, dato curioso in effetti ma almeno divertente, le zozze le vedevi di sera quando saresti dovuto andare a dormire, esistevano cartoni animati decenti e programmi per bambini, le pubblicità facevano giustamente schifo ma ti stavano simpatiche come i vù cumprà poco invadenti in spiaggia a Pasqua perché non ce n'erano tante da dover dividere un film di 80 minuti in quattro puntate, le Brigate Rosse animavano d'interessanti discussioni gli orari post prandiali sequestrando gente e provocando esplosioni.

Il mio pomeriggio di oggi sarà dedicato a cercare di non sapere assolutamente che è accaduto alla cugina di Sara S.cazzi, allo zio di Sara S.cazzi, alla mamma di Sara S.cazzi, al fratello di Sara S.cazzi.

(Sti Cazzi).






8 commenti:

  1. se incominci ora con la nostalgia, meglio non conoscerti quando avrai la mia età.

    RispondiElimina

  2. brigate rosse?
    Certo, ti facevo piu giuovine.

    RispondiElimina

  3. A me manca Bim Bum Bam... quando c'era Bonolis che faceva lo sfigato e forse lo era pure...

    RispondiElimina

  4. Speriamo che si scopra che l'ha ammazzate Berlusconi. Così almeno la TV smette di parlarne (CIT.).

    RispondiElimina
  5. Non guardo la Tv ma la sento dalla cucina, e anche a me manca Bongiorno, pensa un po'.

    RispondiElimina
  6. utente anonimo23 ottobre 2010 19:20


    Capisco perfettamente il fastidio di ogni telespettatore non zombificato.
    è drammatico  il trovarsi spettatori dell'ennesimo reality, dove è la realtà ad essere segregata nel ruolo che dovrebbe essere  della pubblicità: intermezzo poco frequente. 
    Dalla S.cazzi alla guerra, si cerca di rendere tutto più prossimo, più circondato da illazioni, contorni emotivi, opinioni di scarsa qualità da parte di sedicenti esperti (dallo psichiatra all'esperto in comunicazione). 
    Ma per fortuna noi abbiamo yasha, due carrelli del supermercato e vino come se piovesse. Checcefrega?

    Dr. Fumetto

    RispondiElimina

  7. l'altro giorno a forum han detto che loro non ne parleranno mai per protesta contro il resto dei programmi e per rispetto nei confronti della famiglia (in quel momento, e solo in quello, ho ADORATO ogni singolo buzzicone di quello studio televisivo...giudici e contendenti compresi!!!) ...
    tutto qeusto per dirti che se vuoi una zona franca, segui forum.. (in breve capirai che la vicenda s.cazzi non è l'unica cosa fastidiosa della tv!!) :-)

    RispondiElimina
  8. Sti cazzi, o sti scazzi, che dir si voglia.

    RispondiElimina