venerdì 24 settembre 2010

Zaia spaccia bibbie nelle scuole venete

Ma chiccazzo pensa le leggerà?

Io ne avevo una dozzina a casa, quelle classiche che hanno tutti perché in parrocchia te ne regalano una per ogni sacramento.
Un po' come nei videogiochi quando acquisti crediti: sopravvivi al livello della fonte battesimale?, ZACCHETE!, Bibbia.
Oltrepassi la vergogna della prima confessione? BAM!, Bibbia.

Torni a casa e i tuoi quasi s'incazzano

- Ancora?! E dove la mettiamo?
- Mica è colpa mia se volete farmi fare tutte 'ste cose vestita da deficiente
- Sì ho capito ma digli che ce l'hai già
- Mò dicono che le bibbie non sono mai di troppo
- Se non hai un camino sì

(Mia zia intendeva mensola del camino per metterci ulteriori libri, ma a me è sempre piaciuta la vaga involontaria blasfemia di questa risposta).

Il problema è che io ho sempre avuto un sacco di libri.
Li ho pure letti.
Pure la Bibbia, pure tutta, ma non dodici volte.
E sono l'unica persona di mia conoscenza esclusi i Parrocchia Warriors ad averlo fatto.

Però nel mio paese abbiamo tutti valanghe di bibbie.

Insomma sta di fatto che Zaia non capisce un accidente.

Poi ieri, mentre aspettavo la preside del mio liceo (lo faccio per mantenermi giovane) fissavo un quadretto fuori dalla porta del suo ufficio.
Conteneva un pezzetto di filo spinato di non so quale campo di concentramento.

Mi sono chiesta come mai le cose gravi diventino trendy solo una volta finite.

Se le avessi regalato un quadretto contenente un fil di ferro di CPT col cazzo che lo attaccava di fianco alla porta del proprio studio.
- Pure lì torturano la gente preside!
- Fa lo stesso signorina Bialetti, o mi attesta graficamente che la gente soffre sul serio o se lo sogna che attacchi quella zozzata.

Forse è il fumo di cremazione che rende fico un pezzo di ferro arrugginito, boh.

Vabbè, ho mal di testa.

(Però a Zaia quel fil di ferro piacerebbe moltissimo).

9 commenti:

  1. L'altro giorno ci pensavo: io in casa la Bibbia non ce l'ho.
    Però ho il catalogo Ikea.

    RispondiElimina
  2. "Però a Zaia quel fil di ferro piacerebbe moltissimo"

    Messo dove? :-P

    RispondiElimina

  3. Io ho attaccato un pezzo della carrozzeria della mia vecchia Citroen. Pure lì dentro, della gente ha sofferto.

    RispondiElimina
  4. ciao.




    Io metterei zaia in un CPT .





    ciao


    filemazio

    RispondiElimina

  5. ma ti chiami come l'omino della moka?

    RispondiElimina
  6. No, è stato solo il primo cognome che mi è venuto in mente.

    RispondiElimina
  7. Se fossero venuti a regalare bibbie a scuola quando ancora ci andavo io sarebbe stata una figata:
    1. un sacco di secchioni (ai miei tempi non si chiamavano ancora  nerd...) con estesi lividi su tutto il corpo;
    2. banchi e sedie zoppi riparati;
    3. per non parlare di quelli che usavano le pagine come cartine... mistico...

    RispondiElimina
  8. Non hai un tavolino zoppo, una credenza senza una zampa o un amico/a che ci vede una raccolta di barzellette dentro ?

    RispondiElimina
  9. Ah io pensavo che le Bibbie fossero implicitamente inscritte nel gioco del riciclare-regalo-riciclato. Ricevi una Bibbia, regali una Bibbia.
    Il numero non cambia, cambia il numero delle case nelle quali ogni libro passa. Come un bookcrossing.
    Ma mi sembra chiaro che qualcuno ferma il gioco, se tu ne hai dodici e molti neanche una.
    Che roba.

    RispondiElimina