giovedì 30 settembre 2010

Amore è.


Ho perso casa.
Pochi giorni fa ho firmato il contratto, pagato la caparra, scroccato l'aperitivo ai miei quattro futuri coinquilini di cui tre futuri medici e un futuro economista, passata nell'appartamento a guardare uno di loro che ubriachello aveva iniziato a spazzare compulsivamente la terrazza e cose così.
Però poi l'ho persa: non ho idea della strada da fare per tornarci.

Cioè, non è che la città sia una metropoli, tutt'altro.

Il problema sta nella mia avversione all'orientamento quando sono in compagnia maschile: mi si spegne il cervello e smetto di comprendere il mondo.
Ho imparato a usare eMule autonomamente solo una volta scaricata dall'ex moroso, prima non avevo idea di che fosse un server.
Ho imparato a prendere da sola la metro solo da single, a iscrivermi agli esami quando T. ha cambiato corso, a leggere uno stradario in vacanza con le amiche,

Per fortuna che sono cresciuta in una casa di sole donne, altrimenti dubito che avrei appreso da sola i complicati meccanismi che regolano gli applicatori da assorbente interno.

Devo fare le cose da sola o al massimo con altre XX altrimenti è un casino.
Per esempio, Malpensa e l'aeroporto di Atene non hanno più segreti per me.
Ma vabbè.

Insomma lunedì trasferimento, con il Dr.Compagno di stanza, il Dr.Fumetto, l'EconomistaOnomatopeico e il Dr.AlPrimoAnno.
Mi perderò un sacco di serate con gli amici.

Quelle serate in cui si beve, si fumano canne e si guarda Prince of Persia - che figata di film - o quelle in cui si beve, si fumano canne e si parla di quello che passa il 16G di musica che solo una volta siamo riusciti ad ascoltare per intero durante una serata lunga una settimana.

Adoro relativizzare il tempo in base a quello presente sul tavolo: superalcolici, posaceneri pieni, cartoni della pizza, cotica di prosciutto, palla da discoteca corrisponde a serata e che quel borioso del Sole la smetta di voler aver sempre ragione.

Una sera, con gli amici, dopo esserci chiesti per 3.24 minuti se il Kobra fosse un serpente o un pensiero frequente, parte Vinicio chiedendosi che coss'è l'amor.
Bel casino.
Già il cobra ci aveva messi in crisi.

Dovendo mediare tra versioni diverse quali:

- L'amore è una cazzata, scopare è meglio
- Dai, l'amore è quando hai i brividini pensando a una bella figa e però l'ascolti anche quasi tutte le volte che parla
- L'amore.. sì quando vuoi bene a qualcuno più che agli altri, e perché ha le tette.
- L'amore è quando una ti fa stare da merda e però te stai lì
- L'amore è una cosa un po' strana, meglio risparmiarselo

(sì, i miei amici sono maschi)
ho pensato alla mia di definizione.

L'amore è quando vedi qualcuno che arriva sotto casa tua a piedi per uscire con te e sorridi da quando lo vedi a 500 metri di distanza fino a che non è arrivato da te, anche se è appena morta tua nonna;
è quando si sta sdraiati insieme con i nasi che si scontrano e lui ti chiede "Ma a che pensi" e tu rispondi "Shhht" perché stai pensando a lui e non vuoi essere disturbata;
ce l'hai quando mentre scopi sei quasi un po' distratto dal fatto che sia proprio con quella persona e la cosa è così una bella sorpresa che le prime volte ti stranisce tanto che da perderti grossi pezzi della parte oggettivamente interessante.

Amore è quando hai 17 anni e non pensi ad altri che a lui e lui deve scegliere tra te e un'altra, che sono quelle cose tipiche dei 17 anni e poi non si fanno più perché dai venti in su al massimo si scopa con entrambe e il problema è risolto, ma tu sei innamorata, lui è l'ultimo romantico rimasto, l'altra è bellissima.

Anche tu sei bella ma lei lo è di più.
Perché lei sa far ridere solo per come si scosta i capelli, liberare con uno sguardo interrogativo da sopra alla spalla mentre lui è chino e triste nei propri pensieri, far l'amore solo rimanendo nuda sul letto senza che lui ancora la tocchi.

Va da sé che lei è una zoccola.

E tu sei bella e intelligente e modesta, timida e timorosa d'invadere quindi tieni per te tutto quanto e pensi che se è contento lui per ora puoi ancora aspettare.

Poi passa il tempo, tanto tempo come per esempio vent'anni e ti trovi a dire, seduta di fronte a lui sulla tua bicicletta con i capelli neri lunghi mossi dal vento e un sorriso così triste che nemmeno è un sorriso: "Ti ho aspettato fino quando ti sei sposato" e scappi con il tuo bimbo piccolo sul seggiolino davanti e tanti pensieri per la testa tenuti bassi per non dirli alla fede al dito, che non vorresti niente di meno di quello che hai ora ma forse l'avresti ancora voluto con lui e non sai se rimpiangere d'averci fatto l'amore per consolarlo quando l'altra se n'era andata quella sera di pochi mesi prima.
Però era stato tanto bello, anche se lui non era solo con te.

Amore è spesso una gran fregatura, è continuare a pensarti anche se non ha senso e sognarti e ricordarti, è l'averti in mente e sorridere, anche solo perché esisti.

Poi per fortuna sono partiti i NOFX.

E dove cazzo ho messo le chiavi della casa nuova.. ?










 




 

17 commenti:

  1. mi hai fatto stampare un sorriso sulla faccia

    buona nuova convivenza!

    RispondiElimina
  2. Amore è non dover pagare gli alimenti. Finché non finisce, per lo meno

    RispondiElimina
  3. Buona nuova avventura. Grazie delle visite sul mio profilo.
    Buon giovedì.

    RispondiElimina
  4. L'amore è quello stato mentale che ti fa aprire il portafoglio per poi non richiuderlo più... aspetta, no, quella è la lap dance!

    Comunque bel post, stranamente melenso ma bello.

    RispondiElimina

  5. c'è un po' troppo "ammmmmoooore", però mi piace...e adesso mi asolto i NOFX...e seleziono per bene le tracce, che se mi capita qualche canzone sdolcinata è finita...

    RispondiElimina

  6. questi sono i post che mi piacciono.

    RispondiElimina

  7. L'amore è l'unica cosa che vince la mia ipocondria.
    Anche se vivere con 3 medici potrebbe essere un'ottima soluzione alternativa.

    RispondiElimina
  8. Bello.
    Bello bello davvero.
    Leggerti è sempre più un piacere.

    RispondiElimina

  9. visto che sono partiti i NOFX ritengo opportuno che ci spieghi per filo e per segno cosa sia il linoleum.

    RispondiElimina

  10. l'amore è ramona che si dimena come una vaiassa e te la muove e te la squassa.  e visto che-squassa- è una parola che mi piace un sacco, per l'amore è squassare.

    in verità non ci penso mai a cos'è l'amore, però mi fa ridere che non trovi la strada per tornare a casa. ahahha

    RispondiElimina

  11. Wow, stupendo! Buona fortuna per la nuova avventura!

    RispondiElimina
  12. "Quando sarò in grado di amare non avrò bisogno di far l'amore con mia madre nè di ammazzare mio padre in sogno" (o qualcosa di smile, da una canzone di gaber. Una canzone molto molto bella.)

    Emix

    RispondiElimina
  13. Bello, da l'idea di quanto la concezione dell'amore di una donna, sia lontana dalle tette.
    ora però devo trovare dell'insulina, presto!!!

    RispondiElimina