venerdì 27 agosto 2010

Cose che ho imparato durante le vacanze

- Definire come prima tappa di una vacanza al mare il Gran Sasso, oltre a creare un po' di confusione, fa venire freddo.
Parecchio freddo.
Non fatelo.

- Non aver mai campeggiato nella propria vita e sentirsi dire su una spiaggia abruzzese 'Questa è zona di cinghiali, basta non tenere il cibo accanto per evitare di essere sgrufolati a morte, non preoccuparti' provoca un terrore facilmente eliminabile da tre stelle cadenti e quattro bottiglie di Montepulciano.

- Dio esiste e si chiama Quechua.

- Passare una decina di giorni senza sentir parlare di Minzolini ha pro e contro: si vive bene ma reincrociarlo nei media che fino a quel momento hai potuto evitare dà un senso di nausea profonda dovuto all'avvenuta disintossicazione da stronzate.

- Ogni senso di nausea profonda si può facilmente reindirizzare a cause più degne grazie a quattro bottiglie di Montepulciano.

- La Basilicata non esiste.

- In Basilicata ci sono feste del vino in cui il vino fa schifo, la salsiccia è piena di semi di finocchio ma la birra è molto buone e le mantidi religiose sono particolarmente socievoli.

- La Basilicata, data la sua scarsa esistenza, si attraversa molto in fretta.

- In Puglia puoi essere così brillo da trovarti la sera di ferragosto in giro per mercatini ad abbassare in modo impressionante l'età media comprando la compilation blu di Festivalbar 2000.

- A volte cantare a squarciagola sul bagnasciuga ti permette di conoscere 19enni con cui passare una notte tutto sommato divertente.

- La cosa più divertente che si possa fare con un 19enne pugliese è sfotterlo per i suoi slip rossi.

[...]

12 commenti:

  1. prova lo spezzatino di cinghiale con un montepulciano d'abruzzo (un bel rubino della cantina tollo), poi fammi sapere.

    RispondiElimina

  2. l'averci svelato che sei a conoscenza del colore dei suoi slip (slip?? ma qualcuno ancora li indossa?)
    ci fa capire molto sul "divertimento" notturno.

    Non sono malizioso. SOno realista.
    E non so con quale delle mie identità blogghistiche sto commentando.

    Ieri ho ballato con un vecchio di ottanta anni.

    RispondiElimina
  3. Aggiungo che in Basilicata (che purtroppo esiste!) ci sono strade col nulla intorno degne di quelle che si vedono nei film americani...

    RispondiElimina

  4. come quechua conoscevo solo la lingua. google mi ha illuminato sul tuo dio protettore dei campeggiatori :)

    il montepulciano è propro buono, e anche le salsicce coi semi di finocchio. non è una cosa strana nel sud. buonebuonebuone.

    RispondiElimina
  5. utente anonimo27 agosto 2010 18:23

    Concordo sul fatto che la basilicata non esiste
    .. ma ha goduto di una ottima, quanto ingannevole, pubblicità negli ultimi tempi

    neimariestremi

    RispondiElimina
  6. le two seconds air sono le tende migliori per il campeggio itinerante, salvo poi esser dentro e volersi togliere gli slip. il colore è secondario.

    RispondiElimina

  7. non posso credere che le mantidi religiose della basilicata siano socievoli...

    RispondiElimina
  8. Morale della favola: non andare in vacanza senza 4 bottiglie di Montepulciano. Cogito

    RispondiElimina
  9. utente anonimo28 agosto 2010 18:41

    no... ho scritto qui invece di cui (e ho messo punti a caso...)
    . Non ditelo alla maestra!

    Mak

    RispondiElimina

  10. "Dio esiste e si chiama Quechua" sottoscrivo in pieno!!!

    sfotti anche chi ha i boxer rossi o vale solo per gli slip?

    RispondiElimina

  11. ma soprattutto se la cosa più interessante dei ragazzi pugliesi sono gli slip... povera italia

    RispondiElimina
  12. oddio in effetti..la basilicata non esiste..non ci avevo mai pensato!
    forte questo post!

    RispondiElimina