giovedì 22 luglio 2010

Probabilmente i preti se la spassano più di me.

Panorama ha detto che a Roma ci sono un po' di preti gay che di giorno dicono messa e di sera vanno a schifezzare nei locali di categoria.

Non me ne potrebbe fregar di meno se non fosse che noi li stipendiamo e loro dilapidano tutto in smalto rosa, daiquiri frozen alla fragola e baldi minorenni con i riccioli impomatati.
Chezzazzo pur'io voglio fare il prete.

Non mi turba la questione messa/sesso.

Anche se, giorni fa, parlando di quel prete stortissimo - o geniale - che aveva detto messa con la maglia della sua nazionale addosso dedicando preghiere alla vittoria dei mondiali grazie al quale abbiamo capito che Dio non esiste o almeno che se esiste non tifa Olanda, in risposta alla mia indignazione per la sua immediata sospensione che non era invece toccata ai preti pedofili, un personaggio odioso del mio paese mi ha spiegato 'La messa è un fatto soprannaturale'.
Evidentemente anche le mere gioie terrene hanno le loro attrattive.
E riti soprannaturali vanno officiati con una gonna lunga, niente maglie in poliestere.

Per sfondare bambini invece ci si può vestire come si preferisce.

E non sto assolutamente mettendo in relazione omosessualità e pedofilia e preti, solo idiozia con pessimo gusto per l'abbigliamento.

Comunque non è un gran problema che di giorno dicano messa e di notte s'inchiappettino.
O che lo facciano contemporaneamente.
Purché in gonna, chiaro.

http://blog.panorama.it/italia/2010/07/22/le-notti-brave-dei-preti-gay-una-grande-inchiesta-in-edicola-venerdi-con-panorama/

8 commenti:


  1. Forse la religione non è soprannaturale.
    E' un qualcosa che nasce da un sentimento, il sentimento religioso.
    Quello che dà fastidio è proprio il tradimento di questo sentimento.
    Dà sempre fastidio (prima che rabbia, schifo, pena e malinconia) vedere una persona che tradisce i propri ideali o gli ideali che veste: un carabiniere che ruba, un medico che si rifiuta di curare, un politico che si lascia corrompere.
    I preti pedofili sono soprattutto questo.
    Il fastidio del tradimento ad una promessa.

    RispondiElimina

  2. Azzeccato il titolo di questo post. Ma non del tutto corretto..
    Devi togliere il "forse".

    RispondiElimina

  3. i bambini meglio conditi alla puttanesca
    che inculati alla pretesca.

    RispondiElimina
  4. Hai detto sfondare bambini. Si chiama coraggio letterario. Tutta la mia stima.

    RispondiElimina
  5. Ahahah! Bellissimo post. Che dire ormai la religione non è altro che un'icona predefinita, ma purtroppo è ancora "l'oppio dei popoli". Personalmente la cosa non mi interessa, non seguo la chiesa, ne la religione, ma devo ammettere che la cosa mi diverte.. assai.

    RispondiElimina
  6. a me, più dei preti, mi sconvolgono tutte le persone che li difendono a spada tratta... io non difenderei nessuno così, come si fa? che meccanismo si innesca? perchè il prete è a priori migliore di noi? che razza di plagio è? Ma soprattutto, la gente pensa???

    RispondiElimina
  7. A me 'sto reportage di Panorama ha fatto venire la nausea...

    CeV

    RispondiElimina