martedì 27 luglio 2010

Caro ministro.

Sempre a proposito di questo video sull'esperienza di una mamma con figlia disabile - che se non l'avete ancora guardato siete brutti - ho deciso di mandare una mail a Tremonti o chi per lui.

Caro ministro
nel senso che trovo il suo un pessimo rapporto qualità prezzo
mi sale veramente su per una braga.
Dalle mie parti significa che mi sta sulle palle, era un modo più fine per esprimermi.

Ammetto di capire poco d'economia, anzi nulla e lo riconosco, ma ho avuto a che fare con diversi tipi di disabilità fisiche e mentali delle quali forse avrà  a sua volta esperienza - ma so bene che quando la trave è nel proprio occhio difficilmente la si vede - e sentir parlare dei diversamente abili come "spese improduttive" un po' mi urta.

Soprattutto perché mi pare di vivere in un paese con una delle classi politiche tra le più pagate al mondo, inspiegabilmente capaci di non concludere un cazzo, ben felici di darsi a ferie ed acquisti immobiliari che nemmeno penso Bill Gates dopo aver rivoluzionato il sistema mondiale della comunicazione si sentirebbe legittimato a concedersi, ma che in ogni caso almeno lui avrebbe guadagnati, senza vedere il minimo ritorno in termini d'impegno e professionalità.

Siamo il suo - vostro - hobby?
Posso consigliarvi come alternative le ricette di Suor Germana?
Perché siete un po' fastidiosi.

Alta pressione fiscale, pessimi servizi.
Sistema scolastico in frantumi.
Burocrazia demotivante in modo indegno.

Eh insomma, i soliti luoghi comuni.
Grazie a voi che non lavorate - spero che la cosa sia deliberata perché se fosse involontaria sarebbe quasi peggio - e probabilmente passate il tempo a placcarvi d'oro i genitali da anni ormai, siamo abituati a vedere le lamentele per vergognosi disservizi reiterati come luoghi comuni.

Ah ma la colpa è nostra, che non veniamo a prendervi a pomodori marci sulle vostre camicie di marca pezzate dai troppi bagordi.

Siete rivoltanti.

Siete voi le spese non produttive.
Parassitiche anzi.

La vergogna di ogni singolo italiano dotato di buon senso anche se capisco che per voi sia un'espressione priva di significato.
Mi andava di comunicarvelo.

Nel pieno possesso delle mie facoltà, lo stesso non si può dire di voi

Lettera Firmata.


E andate affanculo

11 commenti:


  1. Vedo pazienti psichiatrici lavorare ogni giorno molto più di quanto abbia mai potuto riscontrare in queste teste di cazzo.

    RispondiElimina
  2. utente anonimo27 luglio 2010 21:28

    Bellissima!

    RispondiElimina
  3. Ho visto il video, per il quale ti ringrazio, in particolare per il sorriso e l'abbraccio finale alla madre. (e non è retorica, ma tanto lo sai). E confermi quanto ho sempre sostenuto, ovvero: mi sembra verosimile l’ipotesi che la coscienza di Tremonti, Gasparri, Capezzone, Andreotti, Berlusconi, Ghedini, Alfano, Bonaiuti, D’Alema, Cicchitto -  e via così - sia cancerogena. 

    RispondiElimina

  4. il problema è che quei dementi, sono nel pieno delle loro facoltà....e noi li paghiamo pure!

    RispondiElimina
  5. mi associo a wutternach, "e andate affanculo", va prima dei saluti, anzi, attaccato a "caro ministro".

    aggiungo " le spese non produttive" non dà l'idea, così come "parassiti". Sono nocivi, tarlanti della coscienza civica, quindi non solo succhiano ricchezza, ma tolgono - attivamente - le basi per crearne altra.

    e le ricette di Suor Germana, prevedono impegno e dedizione. suggeriamo altro hobby?

    RispondiElimina

  6. Non si risolve niente mandando a fanculo i politici.
    Non serve vomitare rancore a buon mercato.

    Il terrorismo bombarolo è l'unica risposta.

    RispondiElimina

  7. Se io fossi un ministro, alla parola cazzo avrei cestinato la missiva.
    Oh, non dico che non c hai ragione e quant' altro, ma è come se scrivo ad un professore universitario anziano e odioso ed esordisco cosi.

    "buongiorno professore,
    fermo restando che devo ancora quei famosi 20€ a sua moglie e me ne dispiaccio, volevo chiedele: blablabla"

    anche la forma ha la sua importanza, insomma.

    RispondiElimina

  8. hai ragione quando dici che la colpa è nostra. Tutti parliamo ma non c'è nessuno disposto a fare una vera rivoluzione!

    RispondiElimina
  9. Innanzitutto bisognerebbe andare a votare.

    RispondiElimina

  10. complimenti...
    non fosse altro che per la speranza...
    la speranza che la legga...la mail...3monti...

    si vede che sei abituata ad averci a che fare tutti i giorni...con la speranza.

    3monti...no, lui no, tanto non ne ha mica bisogno.

    brava !
    quoto.

    RispondiElimina
  11. Ma è terribile... Non sapevo proprio che avessero ridotto le indennità e cose simili, io ho vicini di casa che hanno questi problemi (di cui una appunto in pensione, e anche senza marito), capisco - seppure come un'ombra, di riflesso - che il loro disagio è enorme. non si possono permettere di farci questo! Che vergogna. E il fatto di sapere che non ho votato per questi tizi non mi fa sentire meglio, sia perchè penso che invece la maggioranza degli italiani (con la minuscola) l'ha fatto, sia perchè nell'altro schieramento non vedo brillare il lume dell'intelligenza. Prima o poi ci stuferemo di dover sempre scegliere il male minore! Allora forse arriverà la rivoluzione. Intanto le "famiglie disabili" continueranno a soffrire come hanno sempre fatto. Grazie Tremonti e grazie destra italiana.

    RispondiElimina