mercoledì 23 giugno 2010

Quanto la vorrei ora una random sigaretta – post di servizio -

Scrivere un post a quest'ora è tra le ultime cose che vorrei fare.
Vorrei fumare.
Qualunque cosa, ma non si può proprio, per una serie di contingenze con le quali non sto ad annoiarvi.

Il punto è che:
- sono un inguaribile bugiarda, per una serie di motivi ma qui nello specifico perché affermo di smettere di parlare di un argomento poi non lo faccio
- non so se tra "un" e "inguaribile" dovrebbe starci un apostrofo per una questione di concordanza tra neutralità di aggettivo e nome
- non so che ho scritto nella frase precedente
- sono decisamente ignorante, specialmente in grammatica o sintassi o quel cazzo che è, specialmente all'una di notte
- perdo spesso il punto di un discorso.

Parte del punto è che non m'importa di essere simpatica ad alcuno e sono razzista e antisemita e ho un peluche gigante a forma di Renzo Bossi in camera e da piccola il Barbie-Ranch al centro della mia stanza gozzovigliava alla faccia della Polly- Riserva Indiana sotto al cassettone.

Chiedere a me di farmi stare simpatiche le anoressiche-bulimiche-similia sarebbe come chiedere a chiunque altro un atto di carità succhiandolo ad un lebbroso.
Anche no.
Almeno: niente salsicce prima dell'orario aperitivo.
Chiedermi di ritenere il credo in un qualche dio qualcosa di ragionevole e sensato sarebbe come pretendere di dare il voto a Silvio.
Non senza prima un lavaggio del cervello.
Etc.

Quindi:
- Non scrivo per fare contento nessuno di voi.
- Chi commenta mi fa piacere indipendentemente, sia che dica che scrivo in modo incredibilmente fighissimo o che mi dia della stronza insensibile.
- Chi non è d'accordo con quello che scrivo può non leggere o farlo e apprezzo comunque ma mettendosi in tasca che le mie rare ed eventuali risposte ai commenti non servono a farsi andar bene un mio post o a rendermi piacevole. Dico quello che mi va di dire.
- 'Stunc' (tributo a G).
- Grazie a Skype e Facebook per ricordarmi i compleanni.

Riconosco di essere un po' acida, dedicherò a questo mio problema qualche post autocommiseratorio cercando ipocrita comprensione e inutili pacche virtuali sulle spalle prima o poi, lo prometto.

Così è.
Punto.

6 commenti:


  1. io ormai dico bugie anche quando potrei  dire semplicemente la verità.
    non so è diventato più forte di me.
    sarà che devo tenermi in costante esercizio

    RispondiElimina
  2. Il pupazzo di Renzo Bossi lo vorrei anche io: sarebbe l'ideale per scoprire se il vodoo funziona.

    RispondiElimina
  3. se sei donna ci vuol sì l'apostrofo!!! un'inguaribile.
    è al maschile che nn ci va!
    vabbè più che un commento è una nota di servizio.

    RispondiElimina

  4. no ma il peluche gigante a forma di renzo bossi deve essere una cosa trashissima!
    comunque vorrei spezzare una lancia in favore dei bugiardi. non so come però insomma, la spezzo lo stesso sta lancia

    RispondiElimina
  5. Mi piace un sacco il tuo modo di scrivere.

    RispondiElimina